ambiente adatto ai cani con dolori articolari

La maggior parte dei cani, in Italia, vive in casa con il proprietario, un ambiente sicuramente adatto ad un essere umano, ma non sempre ai nostri amici a quattro zampe, in particolare se anziani o con patologie muscolo scheletriche come l’artrosi.

Se in casa ci sono delle scale, pavimenti scivolosi o superfici fredde su cui riposare la loro condizione patologica non migliorerà perché continueranno a subire costanti stress alle articolazioni.

Apportare alcune modificazioni alla casa, eliminare eventuali ostacoli migliorerà significativamente la qualità della vita del tuo cane.

Adatta le scale

Sia salire che scendere le scale può essere un’attività faticosa e altrettanto pericolosa per un cane anziano o affetto da osteoartrosi.
Impedire l’accesso alla scala o aiutare il cane durante l’ascesa e la discesa sono accorgimenti essenziali per impedire traumi ripetitivi.
Anche piccoli scalini tra le varie aree della casa o nei punti di accesso al giardino possono creare difficoltà, quindi controlla attentamente queste zone e rendile sicure e confortevoli.

Trova una cuccia migliore

Il giaciglio migliore per un cane che soffre di dolori articolari è un letto ortopedico, con margini netti, di dimensioni superiori rispetto al cane sdraiato, con uno spessore confortevole e con uno spazio di accesso e uscita facilitato.

Copri le superfici scivolose

I pavimenti delle nostre case sono potenzialmente pericolosi per quei cani con problematiche articolari e/o muscolari che hanno difficoltà a muoversi liberamente. Crea dei percorsi di materiali non scivolosi (tappeti, passatoie) affinché il tuo cane possa raggiungere i punti principali della casa in totale sicurezza.

gestione artrosi cane

Vie di uscita

Se il tuo cane utilizza uno sportellino per uscire all’esterno assicurati che sia delle dimensioni appropriate, ad una altezza giusta in modo da evitare movimenti potenzialmente dolorosi per il collo, la schiena e le zampe e che in entrata ed uscita il pavimento sia antisdrucciolo.

Ciotole

Assicurati che le ciotole del cibo e dell’acqua siano leggermente rialzate in modo che, nel momento in cui il tuo cane si china per raggiungerle, non debba caricare in maniera inappropriata gli arti anteriori o sforzare esageratamente il collo.

Bisogno di una spintarella?

Chi di voi si ritrova a gestire cani con problemi motori, soprattutto se di taglia medio-grande, spesso ci chiede aiuto e suggerimenti sull’organizzazione degli spostamenti.

Il punto di maggior criticità è far salire e scendere il cane dall’auto o da letti e divani, in sicurezza e senza minare la salute della povera schiena dei proprietari.

Quindi ecco qualche consiglio utile su come fare la scelta migliore tra le innumerevoli possibilità che ci offre il mercato.

VALUTAZIONE GENERALE
Nella maggior parte dei casi sono i cani grandi a dare più problemi, i piccolini si prendono in braccio e si infilano nell’auto, situazione risolta in 3 secondi!
Quando si cercano rampe e scale per queste evenienze, le variabili su cui bisogna porre la nostra attenzione sono:

  • la solidità dello strumento
  • la superficie calpestabile del prodotto
  • il materiale con cui sono costruite

Una piccola e stretta scaletta di plastica non svolgerà sicuramente un buon lavoro e non ispirerà sicurezza.
Sarà difficile far sì che il cane si fidi ad usarla o peggio potrebbe farsi male se per mancanza di solidità la scala o la rampa dovessero rompersi o ribaltarsi.
Attenzione anche che sia rivestita o creata in materiale antiscivolo in modo da facilitare il più possibile la salita e la discesa.

RAMPE – LE DIMENSIONI IDEALI
Se la struttura è corta la salita sarà più ripida e richiederà un maggiore sforzo da parte del cane, mentre se la rampa è lunga il pendio sarà meno inclinato e più facile da affrontare. Tuttavia, come è ovvio, più la struttura è lunga più si rivela ingombrante.
Le dimensioni sono molto importanti! Quando acquisti una rampa devi essere sicuro che sia abbastanza lunga da garantire una pendenza graduale.
Esistono dati scientifici su pazienti umani riguardanti l’inclinazione ideale che deve avere una rampa per disabli su sedia a rotelle.
Da disabilinews.com la pendenza massima della rampa consigliata è tra il 4 e il 6%.
In definitiva più lunga è la rampa, minore è la pendenza, più agevole è il percorso sia in salita che in discesa.
Quindi facendo un rapido calcolo, rispettando la pendenza del 6%, per superare un un dislivello ipotetico di 60 cm si richiede un percorso di 10 m!
Nessun prodotto per cani rispetta questi criteri, una rampa “a norma” fatta per entrare nel baule o sui sedili posteriori di un’automobile sarebbe incredibilmente lunga!

Di conseguenza sta a voi trovare il giusto compromesso tra praticità, sicurezza e comfort per il cane.

CONSIGLIATI DA NOI
DOLG WALK 3 e WALK UP di Kleinmetall, sono rampe telescopiche richiudibili in 2 o 3 parti, in alluminio, leggere ma solide e sicure, molto pratiche da richiudere e conservare in auto. Costo elevato.
PETSAFE TRISCOPE PET RAMP di Solvit, rampa telescopica divisa in 2 o 3 parti, molto robusta ma un po’ ingombrante, consigliata da una nostra cliente con 3 labrador! Leggermente più economica della precedente.
PET RAMP PG9300DR di Pet Gear, molto apprezzata per solidità e superficie antiscivolo, valida per cani molto pesanti.
PET RAMP di Trixie, solida e antiscivolo, facilmente richiudibile ma un po’ ingombrante, valida anche per cani grandi.

SCALETTE
La scaletta può avere un doppio uso: per entrare in auto o per salire su letti e divani.

Nel primo caso saranno utili per cani di taglia grande e purtroppo non abbiamo esperienze dirette su un particolare prodotto ma dopo alcune ricerche ci sentiamo di suggerirvi:
COCOARM scaletta pieghevole acquistabile su Amazon, ha recensioni molto positive anche per cani di taglia grande.

Nel secondo caso, stiamo probabilmente riferendoci a cani di piccola taglia che necessitano di scalette o rampe per accedere a letti e divani.
Purtroppo pochissimi cani adulti accetteranno di utilizzare queste attrezzature invece che saltare direttamente sul loro giaciglio preferito, a meno che non gli venga insegnato già da cuccioli.

Come professionisti nel settore della riabilitazione, suggeriamo spesso a proprietari di cani “small” o “toy” di acquistare da subito una scaletta e di insegnare al proprio amico a 4 zampe ad utilizzarla fin da piccolini.

LE DIMENSIONI IDEALI

La cosa più importante da considerare nell’ottica di effettuare un acquisto oculato è l’altezza dello scalino.
Anche qui la scienza ci supporta dandoci alcuni dati da confrontare con il mondo “umano”.
E peri cani?
Ricordiamoci che loro sono più bassi e più lunghi, quindi uno scalino più basso ma più ampio sarà più idoneo.
Molti nostri clienti si sono affidati alle mani esperte di “Zampa di legno”, li trovate su Facebook.
Questa piccola azienda famigliare costruisce prodotti artigianali in legno, completamente personalizzabili in dimensioni, colori e forme, con la superficie degli scalini rivestita in materiale antiscivolo.

scalette per cani artrosi

SOLUZIONE “CASALINGA” PER CARATTERI DIFFICILI

Nel caso tu sia il proprietario di un cane adulto o anziano con problemi motori che di usare le scalette non ne vuole proprio sapere, il nostro consiglio è di creare un’area intorno a letti e divani con tappeti e rialzi morbidi (cubotti di gommapiuma).

Organizza una zona non scivolosa e che faccia molto attrito in modo da favorire il salto e attutire la discesa da letti e divani.

Se il tuo cane è affetto da artrosi e ha difficoltà a muoversi consulta la nostra guida specifica sulla gestione a 360 gradi del cane osteoartrosico.

Speriamo che questo vademecum ti sia stato di aiuto e ti possa in futuro servire come supporto per la scelta del prodotto giusto per il tuo cane.

Non esitare a contattarci per informazioni, dubbi e chiarimenti

Fonti
www.fourleg.com
www.disabilinews.com