La Sindrome da Fragilità del Cane Anziano: Riconoscimento, Gestione e Cura

,
è necessario avere grande cura e attenzione per i cani anziani

Grazie ai progressi della medicina veterinaria negli ultimi decenni, i cani vivono più a lungo.

Tuttavia, vivere più a lungo significa affrontare e adattarsi a sfide simili a quelle affrontate dagli esseri umani che invecchiano.

Per i cani anziani, una di queste sfide è la Sindrome da fragilità.

Questa condizione, che può affliggere i nostri compagni a quattro zampe mentre invecchiano, merita una maggiore attenzione e comprensione da parte di tutti coloro che amano i loro cani.

In questo articolo, esploreremo cosa sia esattamente la sindrome da fragilità del cane anziano, i segni da guardare e come gestirla al meglio.

Che cos’è la sindrome da fragilità del cane anziano?

La sindrome da fragilità del cane anziano, anche conosciuta come Sindrome da Fragilità Canina (SFC), è una condizione che colpisce gli animali anziani, simile alla sua controparte umana.

È caratterizzata da una serie di cambiamenti fisici, comportamentali e cognitivi che rendono il cane più vulnerabile agli stress ambientali e alla malattia.

Il tuo cane ha la Sindrome da fragilità?

7 segnali da osservare

Riconoscere i segni precoci della sindrome da fragilità del cane anziano è fondamentale per intervenire tempestivamente e garantire il benessere del tuo amico peloso.

Alcuni dei segni più comuni includono una diminuzione dell’appetito, perdita di peso involontaria, diminuzione dell’attività fisica, aumento della sensibilità al freddo e alle condizioni ambientali, nonché una maggiore suscettibilità alle infezioni.

Questo stato di fragilità può rendere il cane più suscettibile a malattie e altri problemi di salute.

Ecco 7 segnali da osservare per individuare la Sindrome da fragilità:

  1. Il tuo cane sembra e si comporta come fosse più vecchio della sua età cronologica
  2. Il tuo cane cammina molto lentamente e sembra instabile
  3. Il corpo del tuo cane appare magro e con un tono muscolare basso
  4. Il tuo cane si affatica dopo un breve periodo di attività, ha bassi livelli di energia e consuma rapidamente le sue riserve
  5. Il tuo cane si alza molto lentamente e fa fatica a muovere tutto il corpo
  6. Il tuo cane preferisce sdraiarsi quando mangia e beve
  7. Il tuo cane sembra dormire molto, soprattutto durante il giorno

Se vedi questi sintomi, non provare a fare diagnosi da solo, la cosa migliore da fare è fissare un appuntamento con il veterinario e discutere le tue osservazioni.

8 cose da fare per il tuo cane con Sindrome da fragilità

Anche se non esiste una cura definitiva per la sindrome da fragilità del cane anziano, ci sono diverse strategie di gestione e trattamento che possono migliorare la qualità della vita del tuo animale domestico.

  1. Dieta e alimentazione: modifiche alla dieta sono fondamentali per fornire un’alimentazione equilibrata e adatta alle esigenze del cane anziano. Dovresti considerare l’introduzione di alimenti formulati per cani anziani, ricchi di antiossidanti e sostanze nutritive che supportano la salute articolare e cognitiva. Parla con il veterinario per sviluppare un piano alimentare personalizzato per il tuo cane.
  2. Integrazione di terapie complementari: Alcune terapie complementari, come la fisioterapia, l’agopuntura e la terapia con le onde d’urto, potrebbero essere utili nel gestire il dolore e migliorare la qualità della vita del cane anziano. Parla con il veterinario per determinare se queste opzioni sono adatte al tuo cane e quali potrebbero essere i potenziali benefici.
  3. Comfort e sicurezza: Fornire un ambiente confortevole e sicuro è essenziale per il benessere del tuo cane anziano. Assicurati che il suo ambiente sia privo di ostacoli e pericoli che potrebbero causare cadute o lesioni. Considera l’aggiunta di tappeti antiscivolo e rampe per facilitare l’accesso a zone rialzate. Assicurati che il tuo cane abbia un posto tranquillo e riparato dove possa riposare e dormire senza essere disturbato.
  4. Esercizio fisico adattato: Un programma di esercizio personalizzato è essenziale per mantenere la forza muscolare e la flessibilità del tuo cane anziano. Tuttavia, è importante adattare l’intensità e la durata dell’esercizio alle capacità del cane. Passeggiate più brevi e frequenti potrebbero essere preferibili a lunghe sessioni di attività intensa. L’esercizio dovrebbe essere regolare ma non eccessivo, evitando di stressare eccessivamente le articolazioni e i muscoli del cane anziano.
  5. Fisioterapia: Prendi in considerazione una valutazione fisiatrica, un medico veterinario esperto in materia può valutare la postura, la distribuzione del peso, la mobilità, la forza, l’equilibrio, i riflessi e le sensazioni del tuo cane e potrà raccomandarti alcuni esercizi da svolgere a casa
  6. Test TUG: esegui il Test TUG 1 volta a settimana. Il test Up-and-Go serve a cronometrare il numero di secondi necessari al tuo cane per alzarsi dal sdraiato e camminare dall’altra parte della stanza. Prendi nota dei risultati e usali come base di riferimento prima di iniziare un programma di esercizi. Ripeti il ​​test TUG ogni settimana per monitorare i miglioramenti.
  7. Monitoraggio della salute: Le visite regolari dal veterinario sono cruciali per monitorare la salute generale del cane anziano e intervenire tempestivamente in caso di problemi. Durante queste visite, il veterinario può eseguire controlli fisici approfonditi, analisi del sangue e altre procedure diagnostiche per individuare eventuali segni precoci di malattie o complicazioni legate all’invecchiamento.

In conclusione, una gestione attenta e una cura mirata possono fare la differenza nella vita di un cane anziano affetto dalla sindrome da fragilità. Con una combinazione di dieta adeguata, esercizio fisico adattato, monitoraggio della salute e attenzione al comfort, è possibile garantire che il tuo amico peloso viva una vita piena e confortevole anche negli anni d’oro.