Demenza senile

I soggetti anziani, siano essi umani o animali, vanno incontro con l'avanzare dell'eta' ad una diminuzione della vascolarizzazione delle meningi e del cervello, del numero di neuroni e di connessioni nervose.

Questo processo puo' portare in una vera e propria patologia chiamata nel cane Demenza Canina (CD) paragonabile alla Sidrome di Alzhamer dell'uomo. 

 

Dal punto di vista sintomatologico sono state elaborate quattro categorie di disfunzione cognitiva del cane: perdita dell'orientamento o disorientamento in casa e giardino, cambiamento delle relazioni sociali in particolare con i proprietari, difficolta' di ricordare i comportamenti appresi, problemi del sonno.

Clinicamente si osserva ritardo dei riflessi, lievi perturbamenti dell'equilibrio con conseguente andatura cauta e rallentata, perdita di coordinazione dei movimenti e delle funzioni motorie e propriocettive.

Come risultato il paziente ridurra' drasticamente la sua attivita' fisica, sara' piu' ansioso e perdera' i contatti sociali.
Alcuni interessanti studi effettuati sull'uomo e sui ratti dimostrano come l'esercizio fisico costante diminuisca il rischio di manifestazione di disturbi cognitivi riducendo la formazione di placche di beta amiloide a livello encefalico. Purtroppo il meccanismo preciso secondo cui questo avvenga rimane sconosciuto.

Uno stile di vita attivo, una costante stimolazione mentale ed una alimentazione appropriata e ricca di antiossidanti sembrerebbe prevenire la comparsa di disfunzioni cognitive relative all'eta'.

Attualmente le tecniche applicate con successo nella riabilitazione dei pazienti umani affetti da Alzheimer sono l'esercizio fisico, la socializzazione, gli stimoli sensoriali, il training cognitivo e la prescrizione di regolari cicli di sonno-veglia.

Queste attivita' potrebbero avere un ruolo fondamentale anche nel trattamento e nella prevenzione delle disfunzioni cerebrali del cane anziano.

Si può cosi' impostare un programma riabilitativo per i cani con disfunzioni cognitive preveda l'apprendimento di classiche regole di obbedienza (seduto-in piedi), stimolazione dell'olfatto (ricerca di un bocconcino sotto tre diversi bicchieri/ fazzoletti), esecuzione di ostacoli, gimcane o semplicemente seguire il proprietario attraverso un percorso.

Si può' poi prevedere anche l'utilizzo del nuoto o dell'underwater treadmill; sfruttando il galleggiamento, senza gravare sulle articolazioni, si ottiene cosìun allenamento dell'apparato cardiovascolare ed una stimolazione mentale.

Dove siamo

Via Garibaldi 222/1
Gallo d'Alba - Cn - 12060

Animal Wellness - Centro fisioterapico veterinario - Gallo d'Alba - Cn - P.I. 09092420018
© All Rights Reserved - Privacy policy - Cookie policy